Loading...

Bricco delle Viole

Barolo

Quello che un modello 3D non riuscirà mai a rendere lo avete ora davanti agli occhi.

Chiamatelo genius loci, chiamatelo emozione, chiamatelo come volete, ma nel caso di Bricco delle Viole, e in parte anche delle altre MGA che vedete sul lato sinistro della strada, è ciò che a mio avviso più caratterizza questo cru. Più ancora dei suoli e della geologia (suoli evoluti su Marne di Sant’Agata Fossili laminate) e più ancora della distinzione tra parte alta e parte bassa della MGA, divise dalla sottile striscia di case giusto a metà l’area colorata in rosso.

A fare la differenza è la sensazione di apertura, di altitudine, di luminosità e di libertà che provo ogni volta che raggiungo la parte alta del bricco, da dove la seconda immagine è stata scattata. Una zona diversa come diversi sono i vini, più nervosi e fruttati rispetto a quelli che si possono ottenere per esempio a Fossati, che pure è a poche centinaia di metri di distanza e su terreni del tutto simili, e allo stesso tempo meno sottili e disegnati di un Barolo di Serradenari. Una zona da annate calde, verrebbe da dire, ma non è così, e ci sono molte bottiglie che possono testimoniare il contrario.

 

Assaggi consigliati
Barolo Bricco delle Viole – Casina Bric 460; Barolo Bricco delle Viole – M. Marengo; Barolo Bricco delle Viole – G. D. Vajra

Assaggi di riferimento
Barolo Coste di Rose – G. D. Vajra; Barolo Brunate – M. Marengo; Barolo Fossati – Cascina Adelaide; Barolo Serradenari – Giulia Negri

Superficie: 45,74 ha
0
40
80
120
160
200
240
280
320
360
Altitudine: 390 - 480 m
160
200
240
280
320
360
400
440
480
520
Epoca di vendemmia
Molto precoce
Precoce
Intermedia
Tardiva
Molto tardiva
Barolo MGA 360

Questo sito è pensato per essere consultato su tablet, laptop e desktop, in quanto necessita di uno schermo ampio per cogliere i tanti dettagli.
Per scoprirne comunque le principali funzionalità, ruota il telefono in senso orizzontale e assicurati di avere un buon segnale!