Loading...

Bricco San Biagio

La Morra

Facilmente riconoscibile per la sua forma quasi appuntita e davvero unica nel panorama della denominazione, il Bricco San Biagio si distingue dalle altre MGA della zona di Santa Maria anche per la natura dei terreni.

Come si può infatti notare dall’estratto della mappa geo-viticola questa collina è caratterizzata da un consistente affioramento di Areanarie di Diano, in particolare nel versante con esposizione a sud e sud-ovest, esattamente di fronte a noi nella prima immagine e a sinistra nella seconda, proprio in corrispondenza (e non a caso!) dei ciuffi di vegetazione.

Arenarie di Diano significa una maggiore presenza di sabbia e dunque una maggiore erodibilità che porta con sé una pendenza superiore e vini dalla struttura più sottile, come testimoniano il Barolo Bricco San Biagio di Luigino Grimaldi e l’unica vinificazione in purezza fatta da Marco Oberto di Ciabot Berton nel 2010.

Il resto della MGA è invece appannaggio delle Marne di Sant’Agata Fossili, distinte tra sabbiose nella parte più occidentale e alla sommità del bricco, e tipiche invece nel versante che  si allunga in direzione di Serra dei Turchi, dalla cui parte iniziale proviene il Barolo Bricco San Biagio di San Biagio.

 

Assaggi consigliati
Barolo Bricco San Biagio – Luigino Grimaldi; Barolo Bricco San Biagio – San Biagio / Roggero

Assaggi di riferimento
Barolo Roere di Santa Maria – Fratelli Monchiero; Barolo Roggeri – Marco Oberto / Ciabot Berton

Superficie: 28,84 ha
0
40
80
120
160
200
240
280
320
360
Altitudine: 220 - 290 m
160
200
240
280
320
360
400
440
480
520
Epoca di vendemmia
Molto precoce
Precoce
Intermedia
Tardiva
Molto tardiva
Barolo MGA 360

Questo sito è pensato per essere consultato su tablet, laptop e desktop, in quanto necessita di uno schermo ampio per cogliere i tanti dettagli.
Per scoprirne comunque le principali funzionalità, ruota il telefono in senso orizzontale e assicurati di avere un buon segnale!